lunedì 15 marzo 2010

REGOLAMENTO DELLE REGATE DI VOGA ALLA VENETA

REGOLAMENTO DELLE REGATE DI VOGA ALLA VENETA

APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 63 DELL’8 FEBBRAIO 2010



L'8 febbraio 2010 è stato approvato dal Consiglio Comunale il nuovo regolamento per le regate comunali di voga veneta. Tra le più importanti novità contenute tra i 45 articoli, la possibilità da parte dei regatanti di gestire a piacimento, a scopo pubblicitario, la propria immagine come qualsiasi asso sportivo oltre che applicare, come già permesso da anni, lo sponsor sulla maglietta usata per la gara. Il divieto assoluto di infilarsi tra l'imbarcazione avversaria ed il "paleto" durante il giro di boa ed il prolungamento da due a tre anni dell'iscrizione delle sanzioni nello specifico casellario sono altre due novità di rilievo. Resta il rammarico da parte dei regatanti per il mantenimento della regola della responsabilità oggettiva. E cioè, se un tifoso si comporta in modo non consono elargendo improperi ai giudici durante la regata erigendosi a paladino di un determinato equipaggio, lo stesso verrà sanzionato. Umori negativi serpeggianti tra gli atleti anche a riguardo del diritto di critica da parte degli atleti verso gli arbitri, negato, e, sembrerebbe, la non sanzionabilità dei giudici anche se palesemente in errore. Tutto questo, tra gli altri punti all'ordine del giorno, sarà discusso lunedì 22 marzo 2010 durante l'assemblea dell'associazione regatanti.






TITOLO I – PRINCIPI GENERALI

Art. 1 – Tutela delle tradizioni

Art. 2 – Scopo del Regolamento



TITOLO II – ISCRIZIONE ALLE REGATE

Art. 3 – Bando di concorso

Art. 4 – Presentazione della domanda d’iscrizione

Art. 5 – Selezioni eliminatorie

Art. 6 – Consegna e cura delle imbarcazioni da regata



TITOLO III – COMMISSIONE TECNICA E COMMISSIONE DI DISCIPLINA

Art. 7 – Nomina e composizione

Art. 8 – Durata del mandato, dimissioni, decadenza

Art. 9 – Incompatibilità

Art. 10 – Convocazione e riunioni

Art. 11 – Compiti della Commissione Tecnica

Art. 12 – Compiti della Commissione Disciplinare

Art. 13 – Termine per la definizione del procedimento

Art. 14 – Dispositivo e motivazione



TITOLO IV – ARBITRI

Art. 15 – Primo Arbitro.

Art. 16 – Arbitri di regata.

Art. 17 – Competenze tecniche

Art. 18 – Ammissione e formazione

Art. 19 – Albo degli arbitri e casi di incompatibilità



TITOLO V – SVOLGIMENTO DELLA REGATA

Art. 20 – Presentazione al campo di gara

Art. 21 – Estrazione dei numeri d’acqua e stesura del cordino

Art. 22 – Partenza della regata, sua ripetizione e sospensione

Art. 23 – Partenza irregolare

Art. 24 – “Cavata” in corsia

Art. 25 – Tratto a voga libera

Art. 26 – Definizione di abbordaggio

Art. 27 – Superamento “al campo”

Art. 28 – “Giro del paleto”

Art. 29 – Sospensione della regata

Art. 30 – Conclusione della regata

Art. 31 – Ordine di arrivo e premiazioni



TITOLO VI – DELLE INFRAZIONI DI REGATA E LORO SANZIONI

Art. 32 – Infrazioni di regata

Art. 33 – Sanzioni irrogabili



TITOLO VII – DEI PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

Art. 34 – Doveri ed obblighi

Art. 35 – Responsabilità

Art. 36 – Principio del risultato conseguito in regata

Art. 37 – Frode sportiva

Art. 38 – Illecito sportivo

Art. 39 – Aggressioni, insulti e minacce

Art. 40 – Recidiva

Art. 41 – Intemperanze dei sostenitori

Art. 42 – Antidoping

Art. 43 – Sponsor

Art. 44 – Sanzioni irrogabili

Art. 45 - Norma transitoria








Nessun commento: